OSTUNI, LA CITTA’ BIANCA DEL SALENTO

Passeggiando per il centro storico di Ostuni nelle giornate tiepide di sole, è impossibile non stupirsi di fronte al bagliore accecante delle case pitturate a calce (da qui l’appellativo di Città Bianca). Sul bianco delle pareti, spiccano le insegne variopinte dei negozietti che vendono souvenir o prodotti tipici pugliesi e quelle dei bistrot e dei wine bar nascosti tra le innumerevoli stradine del centro storico. Il tutto rende l’atmosfera davvero suggestiva.

Il turista, armato di scarpe comode e tanta curiosità scopre, nel dedalo di stretti viottoli e ripide scalinate, tanti angoli da fotografare ed imprimere nella propria mente.

                                         Una tipica via del centro storico di Ostuni
Piazza della Libertà: fulcro della città dall’atmosfera suggestiva

Una tappa obbligata per chi desidera visitare il centro storico di Ostuni è sicuramente Piazza della Libertà. Appena vi giunge, il turista è subito ammaliato dalla maestosa guglia di Sant’Oronzo. Alta 20,75 metri, fu costruita con pietra locale nel 1771 dallo scultore ostunese Giuseppe Greco. Il lavoro fu commissionato dai fedeli a devozione di Sant’Oronzo per aver protetto Ostuni da un’epidemia di peste.

La magnifica piazza della Libertà di Ostuni con la guglia di Sant’Oronzo

In questa meravigliosa piazza è possibile anche ammirare la piccola chiesa dello Spirito Santo con il suo splendido portale gotico e la chiesa di San Francesco, la cui facciata si allinea a quella dell’ex convento francescano, oggi diventato Palazzo municipale.

La Cattedrale di Santa Maria dell’Assunzione: un monumento nazionale di straordinaria bellezza

Spostandosi nella parte più alta della cittadina, si incontra un vero e proprio capolavoro dell’architettura salentina: la Cattedrale di Santa Maria dell’Assunzione.  Un luogo da non perdere visitando il centro storico della Città Bianca!

                    La splendida Cattedrale di Santa Maria dell’Assunzione di Ostuni

Costruita nella prima metà del XV sec., i lavori furono completati soltanto due secoli dopo sotto la signoria di Isabella d’Aragona, duchessa di Bari e signora di Ostuni.

Si pensa sia stata proprio la duchessa ad influenzare, con il suo impeccabile gusto artistico, la costruzione dell’incantevole facciata. Dal 1902, la Cattedrale è stata dichiarata monumento nazionale. 

L’esterno

La facciata esterna della chiesa, con i suoi tre portali, colpisce subito per la bellezza.  Alzando lo sguardo, il visitatore ammira i tre bellissimi rosoni che sovrastano i portali. Tra essi, quello centrale è il più imponente e particolareggiato. È suddiviso in tre cerchi concentrici finemente decorati con motivi floreali e contenenti figure della tradizione cristiana.

 

                                        Il bellissimo rosone della cattedrale di Ostuni

Ancora più in alto sulla facciata, gli occhi si posano sulla lunga fila di piccoli archetti che decorano la cornice del frontone. Tali fregi sono presenti anche sulla torre campanaria e sono abbelliti con motivi ornamentali, tratti dal mondo animale e vegetale.

                             I meravigliosi fregi degli archetti della Cattedrale di Ostuni

Infine, spostando lo sguardo alle lunette dei tre portali della chiesa, si possono ammirare una serie di effigi scolpite nella pietra che ritraggono figure appartenenti all’iconografia sacra.

Dettaglio di una lunetta sopra uno dei portali della Cattedrale di Ostuni
L’interno

L’interno della chiesa è suddiviso in tre navate. Esse sono separate da una successione di archi posti a sostegno di 5 colonne. Un particolare che non sfugge agli occhi del turista è il soffitto della navata centrale. Numerose tele raffiguranti la vita di Gesù o dedicate ai santi patroni della città di Ostuni emergono dal soffitto in tutta la loro espressività, regalando al visitatore uno spettacolo davvero unico.

                                 
Sopra, interno della Cattedrale di Santa Maria dell’Assunzione. Sotto, gli splendidi affreschi del soffitto della Cattedrale

Proseguendo, il viaggiatore spalanca gli occhi di meraviglia di fronte alle piccole cappelle barocche ai lati delle navate. Un cenno particolare merita la cappella ottocentesca dell’Immacolata contenente la statua in cartapesta di Sant’Agnese.

Armatevi di curiosità e partite alla scoperta dei tesori più belli del centro storico di Ostuni. Lasciatevi stregare dalla magia di questa parte antica della città, con le sue case imbiancate e i suoi monumenti dall’incredibile fascino storico.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *